Telefono 371 323 4010

Aspis Edizioni L'Europa e l'umanità Il saggio qui proposto è uno studio che, prendendo le mosse da alcune considerazioni prettamente lin.. Product #: 978-88-322-89-12-1 Regular price: 18.00€ 18.00€ Disponibile

L'Europa e l'umanità

Codice del prodotto: 978-88-322-89-12-1
Disponibilità: Disponibile
Peso: 180.00gr

Prezzo: 18.00€

- +

Il saggio qui proposto è uno studio che, prendendo le mosse da alcune considerazioni prettamente linguistiche e antropologiche, analizza in una chiave che si potrebbe dire quasi “psicologica”, oltre che politica e culturale, il rapporto tra nazionalismo, cosmopolitismo e sciovinismo, e, in particolare, quello tra la civiltà occidentale – “romanogermanica”, secondo la definizione dell’Autore – e le civiltà del resto del mondo, auspicandone un “riscatto dalla schiavitù spirituale”.

Nikolaj Sergeevič Trubeckoj (1890-1938): aristocratico di nascita, semiologo strutturalista, padre (insieme a Roman Jakobson) della morfofonologia, fu però anche critico letterario, studioso di tradizioni popolari slave e membro di punta del movimento eurasiatista. Emigrato nel 1919, visse fino al ’22 a Sofia; poi insegnò all’Università di Vienna e animò il circolo dei linguisti della “Scuola di Praga”. 

Chiunque sa come considerare un proprio connazionale, se questi cominciasse a predicare che il suo popolo deve rinunciare alla fede, alla lingua, alla cultura native e cercare di assimilarsi a un popolo vicino, poniamo al popolo X. Chiunque, naturalmente, considererebbe costui o come un pazzo, o come un tipo che è stato raggirato dal popolo X e ha perso ogni amor proprio nazionale, oppure infine come un emissario del popolo X, inviato per far propaganda in cambio di un’adeguata ricompensa. […] Che il nostro atteggiamento verso una simile propaganda non possa non essere il più negativo, è cosa di cui non si deve dubitare. Nessun popolo normale al mondo, in particolar modo un popolo organizzato in uno stato, può volontariamente ammettere la distruzione della propria fisionomia nazionale in nome dell’assimilazione, sia pure a un popolo più perfetto. Alle pretese sciovinistiche degli stranieri ogni popolo che si rispetti risponderà con lo spartano Leonida: “Vieni a prenderlo!” e difenderà la propria esistenza nazionale con le armi in mano, anche se la sconfitta fosse inevitabile. 

 

pagamenti accettati

                      aspislogoweb

Via Crema, 15 - 20135 Milano
Partita IVA 10610070962

Email: info@aspisedizioni.it

Entra nel tuo account